Napoli: Francisco Bosoletti e la sua Iside

Alla scoperta dei più bei murales italiani
21 settembre 2017
Irene Lasivita a Bonito
12 ottobre 2017

“Iside” è l’ultima opera che l’artista argentino Francisco Bosoletti ha dipinto a Napoli sulla parete di un edificio in via Emanuele De Deo, ai Quartieri Spagnoli.
Negli ultimi mesi le passeggiate con l’amico fotografo Sergio Siano lo avevano portato a scoprire la ricchezza umana, storica e artistica di questi vicoli.
Grazie al lavoro e all’impegno di Salvatore Iodice, l’idea di realizzare un grande murale che ne celebrasse la bellezza ha potuto realizzarsi.
Il soggetto raffigurato è ispirato alla Pudicitia del Corradini, la mirabile statua velata custodita nella Cappella Sansevero.
Come la statua commissionata dal Principe Raimondo De Sangro, “Iside” di Bosoletti intende onorare la femminile potenza creatrice, la Natura che ama nascondersi e che con il suo velo abbaglia i nostri occhi mortali, la Grande Dea Madre, Colei che sa.
A Napoli il culto di Iside è antichissimo. Il suo nome in geroglifico è un trono, ventre materno che accoglie la Vita e archetipo delle nostre Madonne.
Il murale verrà inaugurato il 6 ottobre 2017, con una festa popolare, nel medesimo giorno in cui i Quartieri Spagnoli festeggiano la loro patrona, Santa Maria Francesca, unica donna napoletana elevata a santità, e che proprio attraverso un seggio propaga miracolosamente la Vita.

(testo di Giuseppina Ottieri)

Napoli: Francisco Bosoletti e la sua Iside

Napoli: Francisco Bosoletti e la sua Iside (foto David Ardito)

 

 

Commenta su Facebook